Il Carso vestito a festa

 

Immagina di avere di nuovo sei anni. Cammini per strada, stivaletto marroncino tarocco Timberland, probabilmente di tuo cugino grande (dimenticavo di dire che nei miei sei anni sono gli anni Novanta, e negli anni Novanta c’è sempre un cugino grande che ti passa le cose), giacchetta jeans collo di pelliccia nuova, da primo giorno di scuola, capelli a scodella, aria di chi ha pochi veri problemi e tutti comunque legati ai lego. L’aria inizia a odorare di fuoco del camino, un odore che ti fa pensare alle padelle delle castagne adesso, poi probabilmente ti farà pensare al vin brulè; il tasso umidità è al solito altino, garanzia pianura padana, però adesso non ti fa sudare come due mesi fa ma inizia già a pungerti le ossa. La scuola è da poco iniziata, ma poco te ne importa perchè sei ancora piccolo e alla fine neanche ti dispiace tanto. Alzi lo sguardo al cielo, in cerca di qualche nuvola rosa, qualche scia chimica, qualche stormo migratore. E loro se ne stanno lì, pigre, un po’ accartocciate, in bilico tra il ramo e la terra, alcune più gialle, altre già marroni, alcune croccanti come patatine alla paprika amicachips, altre che tentano di resistere e stringono coi denti ancora un po’ di verde, ancora un po’ di estate, di piscine di pantaloncini e ghiaccioli alla menta. Non capisci tanto se arrossiscono perchè fa già buio alle cinque e il tramonto le imbarazza, oppure perchè c’è qualcosa sotto. Qualcosa tipo la clorofilla che in autunno viene lentamente degradata e lascia spazio a nuovi colori: i gialli e arancioni dei carotenoidi, i rossi flavonoidi e altri nomi scientificamente impronunciabili. E’ bello pensare che d’estate le foglie sono verdi per scelta. Ovviamente la questione è ben più complessa: ci sono gli alberi che si fanno rossi perchè gli si invecchiano le foglie (senescenza), hanno freddo e sono tristi perchè c’è meno luce, un po’ come le donne di mezza età che celebrano la menopausa con una bella tinta rosso amaranto e un cappotto fucsia. Insomma è autunno. C’è tempo per pensare a questa stagione pascoliana con malinconia, collegarla a qualche romantico limone al tramonto, un po’ melenso, un po’ amarezza. Passeggiando per il bel Carso tutto vestito a festa, io preferisco pensarmi bambino, che pensa prima alle pozzanghere dentro le quali potrà saltellare, ai regali di Natale vicinissimi, alla bora che farà volare la Dorothy di turno e a quel sole che c’è solo d’autunno, quel sole nostalgico che fa le foglie ancora più rosse e, perfino o per finta, ti scalda, e per un momento ti fa dimenticare l’inverno che bussa a novembre che ti togli addirittura la giacca. E così, con la giacca nello zaino, mi porto a casa qualche foglia e chissà magari mi faccio pure un cartellone.

Uno speciale ringraziamento alla pianta di Cotinus coggygria, conosciuta a Trieste come “sommacco”, che ci ha regalato le foglie ritratte. I toni di queste foglie comprendono una rosa di sfumature che va dal giallo al rosso carminio, che colorano vivacemente d’autunno il paesaggio carsico. Anche detto “albero della nebbia” per il suo aspetto leggero quasi etereo, predilige zone calcaree. Il nome Cotinus deriva da cocciniglia, in virtù del colore acceso che si ricava dalle sue foglie autunnali, usato in passato per la concia delle pelli.

Bibliografia di riferimento:

http://www.actaplantarum.org/floraitaliae/viewtopic.php?t=5377

Archetti M, Döring TF et al. Unravelling the evolution of autumn colours: an interdisciplinary approach. Trends in Ecology and Evolution (2009)

Un ringraziamento speciale a Simone Babusci e Moreno Clementi per la puntuale e dettagliata revisione tecnico scientifica

12194655_712927498808757_3770443462472944163_o
Cotinus coggygria

21947438093_173426cf83_o

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...